loading

Loading

Consulenza legale a Palermo

Il mondo giuridico possiede numerose sfaccettature, ci sono settori diversi di cui ci si occupa, a partire dal settore penale al settore civile.
Molto spesso i termini giuridici sono incomprensibili per il comune cittadino e, venire a conoscenza di meccanismi e di procedure da seguire, potrebbe essere molto complicato.
Ogni situazione ha mille sfumature diverse.
Non troverete la risposta al vostro quesito ma solo tanti esempi di come sono andate le cose ad altri.
Il diritto e la giustizia risentono di tanti fattori personali, ambientali e tecnici, oltre all'esperienza di un monitoraggio costante e attento dell'evoluzione legislativa e giurisprudenziale.
Non ci sono risposte stereotipate ma adeguate al caso concreto.

Innanzi tutto vediamo chi è il consulente  legale….                     
Il consulente legale è prima di tutto un giurista, che alla conoscenza del diritto aggiunge la capacità di parteciparlo a colui che, essendone destinatario, deve darne attuazione nel suo specifico, coscientemente e liberamente.
Quindi pur partendo dal dato normativo, che rappresenta l’ambito del giurista, il consulente legale estende il suo intervento ai riferimenti etici, morali, religiosi, sociali, tenendo ben chiara la linea di demarcazione tra l’ordinamento giuridico e il metagiuridico.
Compito precipuo del consulente legale è quello di aiutare lapersona ad assumere, con la necessaria responsabilità, le scelte e le decisioni che servono al suo caso concreto.
Nello svolgere il compito di consulente legale, è fondamentale, per raggiungere questo scopo, dedicare molta attenzione all’ascolto dell’utente.
L’ascolto presenta una duplice utilità:
-      da un lato permette al consulente legale di inquadrare il caso, di conoscerlo nei suoi risvolti più reconditi, anche quelli di cui l’utente talvolta non ha consapevolezza: si tratta di cogliere le istanze di fondo per capire l’effettiva necessità dell’interlocutore;
-      dall’altro consente all’utente di parlare a fondo della propria situazione.
Anche quando l’approccio col consulente legale scaturisce dalla semplice richiesta di conoscere le procedure per attivare un’azione giudiziaria, la semplice spiegazione dei meccanismi procedurali sarebbe assai riduttiva.


Il consulente legale può soffermarsi a ragionare con l’utente sulle cause e sul da farsi.
Compito del consulente è quindi, una volta acquisiti gli elementi che il cliente possiede già, di aggiungervi quei fattori di sua esperienza, conoscenza e professionalità che possono promuoverne sviluppi nel senso desiderato; in tale contesto è sostanziale il rapporto di fiducia tra il committente e chi fornisce consulenza.
Il consulente  giuridico può essere chiamato a mediare le controversie, provvedere ad una firma del contratto o di avvisare circa la gestione aziendale.

LO STUDIO DI MEDIAZIONE con una conoscenza molto approfondita del diritto dispensa consulti all’utente su particolari situazioni, così da sapere cosa può fare e quali sono le leggi vigenti per il suo caso.   Il ruolo principale è quello di informare e non quello di prendere l'iniziativa. Questa decisione spetta al cliente che, dopo essere stato informato, deciderà se intraprendere delle azioni legali o meno.
Lo Studio Mediazione Palermo consiglia e assiste il proprio cliente o committente nello svolgimento di atti, bisogni, pratiche o progetti, fornendo o implementando informazioni, pareri o soluzioni, utilizzando competenza con approccio multidisciplinare, e in particolare nelle seguenti discipline:

  • ResponsabilitĂ  civile
  • Diritto condominiale
  • Diritto dei consumatori
  • Tutela alla persona e diritto di famiglia
  • ProprietĂ  immobiliare
  • Modi di acquisto e azioni a tutela della proprietĂ 
  • Obbligazioni e Contratti (in particolare contratti di appalti, recuperi crediti, consulenze stragiudiziali e pareri).